Melanzane sott’olio fatte in casa: ecco come conservarle e per quanto tempo

Le melanzane sott’olio fatte in casa sono una delizia per il palato, possono essere servite come antipasto o consumate come contorno. Per la preparazione servono pochi ingredienti, per la conservazione invece è bene seguire alcuni importanti passaggi per garantire la freschezza ed evitare che si possa formare il botulino. 

Croccanti, bianche e gustose, le melanzane sott’olio sono una tra le conserve più amate che si realizza con pochi e semplici ingredienti, reperibili facilmente: olio extra vergine di oliva, melanzane dolci e senza semi, aglio, menta, peperoni, peperoncini piccanti e sale.

Le conserve di melanzane, specie in estate, non mancano mai in casa. Si possono preparare tagliate sottili a striscioline, ma l’importante è lasciarle macerare per almeno 24 ore sotto sale e aceto, e poi spremerle bene per asciugarle. Scopriamo come prepararle e conservarle.

Preparazione melanzane sott’olio

Per la preparazione delle melanzane sott’olio occorre lavare le melanzane, togliere la calotta superiore, sbucciarle e tagliarle a fettine sottili oppure a striscioline. Man mano che tagli le melanzane sistemale a strati in una ciotola capiente, cospargi in modo uniforme 4 cucchiai di sale per ogni strato, e metti un po’ di aceto, che ti servirà per ottenere le melanzane bianche.

Il consiglio è quello di non risparmiare sul sale che è un ottimo conservante. Continua così fin quando non avrai terminato le melanzane. Copri con un piatto e metti un peso sopra per facilitare la fuoriuscita dell’acqua. Lascia macerare per circa 24 ore.

Trascorse le 24 ore, con le mani strizza le fette di melanzane e riponile nella ciotola, versa l’aceto bianco fino a coprirle completamente. Rimettile sotto peso per circa tre ore. Con l’aiuto di uno schiacciapatate strizza bene le fette di melanzane che dovranno essere asciutte. Sbuccia l’aglio, lava i peperoni, togli i semi e i filamenti bianchi.

Sciacqua sotto acqua corrente le foglioline di menta e tampona con la carta da cucina. In una ciotola a parte, versa un po’ di aceto e aggiungi aglio, menta e peperoni. Dopo qualche minuto toglili dall’aceto e strizzali delicatamente. Riempi i barattoli con strati di melanzane e per ciascuno aggiungi aglio, menta, peperoni tagliati a pezzi, un po’ di peperoncino e pressa tutto. Procedi sempre allo stesso modo lasciando liberi circa 3 cm di spazio dal bordo.

Ricopri con olio e chiudi i vasetti senza avvitare i tappi. Il giorno dopo controlla se è necessario aggiungere un po’ di olio, in quanto le melanzane dovranno essere sempre coperte abbondantemente dall’olio. Avvita i tappi e conserva le melenzane sotto olio in frigorifero. Saranno pronte dopo circa una settimana, aggiungi l’olio ogni volta che le prelevi e conserva in frigo.

Come si conservano e per quanto tempo?

La preparazione degli alimenti in casa richiede un procedimento da seguire per essere sicuri di rispettare le regole di igiene necessarie per non mettere a rischio la salute di chi consumerà le conserve. I vasetti in vetro per le conserve necessitano di una sterilizzazione che è fondamentale per gustare i preparati fatti in casa in totale sicurezza, evitando di potere incorrere in possibili problemi come il botulino o intossicazioni alimentari. 

Conservare gli alimenti, come le melanzane sott’olio in un barattolo è uno dei metodi più antichi che richiede l’acquisto di nuovi tappi o coperchi, evitando di utilizzare quelli già usati in precedenza anche se sterilizzati. Se devi conservare per qualche giorno gli alimenti puoi utilizzare dei coperchi già usati in passato, sterilizzandoli. Il consiglio è quello di sterilizzare i vasetti e i tappi anche per l’uso quotidiano e non solo per le conserve a lungo termine.

Esistono vari modi per la sterilizzazione dei vasetti di vetro che siano barattoli o bottiglie, l’importante che siano adatti alle cotture ad alte temperature. Si possono sterilizzare in forno, in microonde oppure in pentola. Non appena i barattoli di melanzane sott’olio saranno ben sterilizzati, riempili con la tua conserva e chiudili bene.

Potrai conservarli in cantina, dentro una dispensa che sia abbastanza fresca oppure scegliere un luogo della tua casa dove non ci sia abbondante umidità. L’ideale sarebbe quello di conservare la tua conserva in un luogo fresco e asciutto per tre mesi prima di assaggiarle.

Una volta aperto il barattolo, quando il contenuto non è ancora terminato, conservalo in frigorifero e consumalo entro una settimana. Se si dovesse formare la muffa oppure senti qualche odore strano che fuoriesce dal barattolo, il consiglio è quello di evitare di mangiare la conserva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.