Grasso spalmabile vegetale: ecco come usare la margarina nelle ricette

Tra gli alimenti più affascinanti della cucina, in particolar modo per la sua versatilità, c’è proprio la margarina. La margarina non è altro che il grasso estratto da fonti vegetali e pertanto, adatto ad alimentazioni sia vegetariane che vegane. La margarina, proprio come il burro, si presta a far parte di composizioni il cui impasto necessita di una certa morbidezza e friabilità. Questi possono essere la pasta frolla per la creazione di biscotti, ma anche dolci tipicamente soffici come pancake e plumcake. La margarina, inoltre, è un’ottimo lubrificante e può essere utilizzato, ancora una volta, in sostituzione del burro e dell’olio per ungere le teglie prima di versarci dentro l’impasto e infornarlo. Ma vediamo insieme quali possono essere usi e ricette legati a questo grasso così tanto in voga nelle cucine italiane.

Margarina: un sostituto vegetale

Benché la credenza popolare che la margarina possa sostituire il burro in quanto più magra sia del tutto falsa, dobbiamo però considerare che scelte alimentari vegane rendono necessaria la sostituzione, così come l’intolleranza al lattosio, inevitabilmente contenuto nel burro classico (a meno ché non si riesca a trovare la più rara versione di burro senza lattosio). Tuttavia, i vegani dovranno fare molta attenzione: il mix di olii contenuti nella margarina possono essere tutti vegetali ma talvolta, è possibile che vengano aggiunti grassi di origine animale. Per questo motivo, leggere attentamente l’etichetta prima di acquistare il prodotto è fondamentale.

Margarina: come sostituire il burro e l’olio all’interno delle ricette

La regola generale, si può dire, che è semplicemente quella di sostituire il quantitativo di burro con la medesima dose di margarina. In realtà, però, bisogna ricordare una cosa: la margarina è più grassa del burro e pertanto, sostituire parte della sua quantità con altri composti oleosi può risultare una buona idea. Ma se questo problema non vi sfiora, perché magari state preparando quello che sarà semplicemente uno “strappo alla regola”, utilizzatela pure come già accennato e senza timori. La margarina è particolarmente indicata nelle crespelle, ossia nelle cosiddette “crepès salate”, tanto in voga nel nord Italia.

Margarina: utilizzi alternativi in cucina

La margarina, tra i fornelli, può essere anche un valido condimento o “accompagnamento”. Ma spieghiamoci meglio: alcuni piatti vengono fatti in maniera sbrigativa e in assenza di un sugo pronto, è possibile condire la pasta semplicemente con una noce di margarina. Questo può essere il caso dei ravioli e dei tortellini, o comunque pasta fresca all’uovo che ha già un proprio sapore. Inoltre, se siete tra i buongustai amanti delle vellutate, potrete degustarle con un po’ di pane precedentemente spalmato di un filo di margarina. Il sapore sarà decisamente più ricco e saprà stupirvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *